FISCO » IVA » Adempimenti

Decreto fiscale 2019: cosa cambia nell’emissione delle fatture?

5 novembre 2018 in Rassegna Stampa
Fonte: Fisco e Tasse

Al fine di consentire un lasso di tempo un po' più lungo per l’emissione della fattura elettronica, il legislatore è intervenuto modificando l’art. 21 del DPR 633/1972. La modifica non riguarda però solo l’emissione delle fatture elettroniche ma abbraccia il più ampio spettro dell’emissione di qualsiasi tipologia di fattura. La nuova norma contenuta nell'articolo 11 del DL 119/2018, il cd. collegato fiscale alla Legge di bilancio 2019, consente l’emissione delle fatture entro 10 giorni dal momento in cui sia stata effettuata l’operazione.

Per poter usufruire di tale possibilità è necessario tuttavia che nel corpo della fattura sia indicata alternativamente:

  • la data di effettuazione della cessione di beni o della prestazione di servizi
  • la data in cui si è avuto il pagamento totale o parziale del corrispettivo (sempre che tali date non coincidano con la data di emissione della fattura).

 

EMISSIONE FATTURA
POSSIBILITA’ Immediata Entro 10 giorni Differita
QUANDO VIENE EMESSA Al momento di effettuazione dell’operazione o del pagamento Entro 10 gg dall’effettuazione dell’operazione o del pagamento totale o parziale del corrispettivo. Entro il 15° giorno del mese successivo a quello in cui è avvenuta l’operazione.
INDICAZIONI IN FATTURA Natura, qualità e quantità dei beni e dei servizi formanti oggetto dell’operazione Deve essere riportata anche la data in cui è avvenuta l’operazione o il pagamento Deve essere riportato l’elenco delle operazioni effettuate nello stesso mese nei confronti del medesimo soggetto risultanti da idonea documentazione

 

È importante sottolineare che l’entrata in vigore delle nuove disposizioni è prevista a partire dal 1° luglio 2019 e che ciò non influenza in alcun modo il meccanismo di esigibilità dell’imposta e della sua liquidazione.
Ai fini della fatturazione elettronica, nel presupposto che questa si ritenga emessa quando sia correttamente trasmessa al Sistema di Interscambio (SdI), è necessario che nei 10 giorni previsti dalla nuova normativa venga fatta anche la trasmissione.

 

I commenti sono chiusi