LAVORO » Lavoro » Formazione e Tirocini

Formazione professionale: nuovo regolamento CNDCEC 2018

10 gennaio 2018 in Rassegna Stampa
Fonte: Consiglio Nazionale dei Dottori commercialisti e degli Esperti contabili

Sul Bollettino del Ministero della Giustizia del 31 dicembre 2017 è stato pubblicato il nuovo Regolamento per la formazione professionale continua approvato dal Consiglio Nazionale dei commercialisti nell’ottobre del 2017 e trasmesso al Ministro per l’acquisizione del parere favorevole
Il regolamento è in vigore dal 1° gennaio 2018,  e prevede :
• l’esonero dall’obbligo formativo per gli iscritti nell'elenco speciale e per i non esercenti la professione di dottore commercialista 
• specifica disciplina dell’accreditamento dei corsi realizzati dalle Scuole di Alta Formazione
• i criteri di equipollenza tra la formazione professionale continua dei dottori commercialisti e degli esperti contabili e quella iniziale e biennale dei gestori della crisi.
• l’istituzione dell’elenco delle piattaforme valide per l’erogazione delle attività formative a distanza
• l’eliminazione del limite ai crediti formativi professionali acquisiti in modalità e-learning.
• semplificazione delle norme inerenti  per l'accreditamento delle attività formative

Infine , vengono riformulati  alcuni adempimenti in capo agli Ordini territoriali  per il coordinamento con la disciplina della formazione dei revisori legali e dell’equipollenza fissata dall’art. 5 del D.Lgs. 39/2010 e  si introducono disposizioni transitorie volte a consentire una disciplina uniforme dell’obbligo formativo nel triennio in corso.
Nel comunicato del Consiglio nazionale dei dottori commercialisti apparso sul sito  il 5  gennaio scorso,   si legge anche  che nel testo pubblicato   nel bollettino  è presente un refuso  – all’articolo 5, comma 4  – per cui il Consiglio nazionale ha chiesto una errata corrige .

Il Cndcec  specifica , a questo proposito, che  “la disposizione, – come nel regolamento precedente, stabilisce il divieto di riportare nel computo dei crediti di un triennio i crediti maturati nei trienni precedenti. Tale regola subisce eccezione solo in presenza di crediti acquisiti attraverso la partecipazione ai corsi SAF”.

Allegati:

I commenti sono chiusi